Ci sono 1 utenti on line!


Encant Vells: viaggio nell'usato a Barcellona
Mercoledì 13 Giugno 2018
Giulia Giarola

barcellona-mercatini-usatoBarcellona è piena di colori e densa di profumi. Se pensiamo a questa splendida città iberica, cosa immaginiamo? Sole, mare, buon cibo, musei e monumenti da visitare. Questa è la classica facciata conosciuta dalla maggior parte dei turisti, perché in realtà gli aspetti più affascinanti e curiosi si trovano altrove, ad esempio nei mercatini dell'usato.

È qui che avviene la magia. In questi luoghi ricchi di storia e cultura, Barcellona risplende e ammalia tutti i visitatori. I suoi mercati non rappresentano solo una celebrazione della tradizione locale, ma sono anche il simbolo di un'apertura mentale radicata nel cuore della gente. Tutti i prodotti messi in vendita nei mercati di Barcellona, che siano cibi oppure oggetti artigianali, sono l'emblema di una città aperta al diverso, alla multiculturalità.

Encants Vells: il mercato storico di Barcellona

Il mercato storico più grande e conosciuto è senza dubbio Els Encants Vells, noto anche come Mercat de Fira de Bellcaire, che letteralmente significa "il fascino della vecchia fiera". In Europa è addirittura uno dei mercati delle pulci più antichi, si considera infatti che già nel XIV secolo quest'area fosse espressione del dinamismo commerciale del popolo catalano. Ogni giorno più di 500 commercianti animano la vita di questo mercato che copre una superficie di 15.000 metri quadri e che viene visitato tutte le settimane da ben 100.000 persone.

Encants Vells

L'Encants Vells offre al consumatore un'alternativa vincente ai modelli attuali di distribuzione e del commercio. I barcellonesi sono soliti affermare che qualunque cosa si immagini, la si può trovare tra i tavoli espositivi di questo enorme mercato, contraddistinto dalla capacità di unire il vecchio al nuovo, e dalla vendita di rarissimi oggetti di antiquariato e per collezionisti. Di fatto sembra davvero possibile acquistare qualsiasi cosa: mobili antichi e d'occasione, vestiti nuovi e usati, opere d'arte, libri, dischi, materiale elettrico, apparecchi ed elettrodomestici di seconda mano, decorazioni per la casa e utensili vari. Qualunque oggetto, che sia del passato oppure recente, artigianale o tecnologico, si compra sempre a prezzi imbattibili.

Dove e quando si svolge questo mercato?

Encant vells sorge nella Plaza de les Glòries, in una zona centrale e raggiungibile con tutti i mezzi. È a pochi passi dall'Avinguda Meridiana (una delle strade principali di Barcellona), a cui si arriva sia con la metropolitana (linea 1 e 2), che con gli autobus; oppure in auto, parcheggiando in una delle quattro aree di sosta che sorgono nella zona.

Encants Vells

Il mercato è aperto tutti i lunedì, mercoledì, venerdì e sabato e per godere appieno della sua atmosfera migliore, oltre che per cercare di approfittare delle proposte più vantaggiose, è consigliabile recarvisi la mattina presto.

Il successo dell'usato a Barcellona

Il fenomeno dei mercatini di seconda mano è una delle tendenza in grande crescita nella capitale catalana. Del resto, è nei momenti di crisi che emergono le idee migliori e l'essere umano aguzza l'ingegno per trovare e applicare nuove idee per vivere in modo più sostenibile ed intelligente.

Encant Vells

Oggi, oltre a quelli storici come Encants vells o il Mercat Sant Antoni, questa città vanta molto mercatini che si tengono principalmente il fine settimana: Lost & Found, Two Market, Flea Market, Va de Maletas e molti altri. Si potrebbe quasi dire che Barcellona si sia convertita nella città di riferimento per questo tipo di eventi e del mondo del second hand.


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente