Ci sono 23 utenti on line!


Regali second hand per un Natale sostenibile
Giulia GiarolaNews
Mercoledì 22 Novembre 2017

natale-ecologicoLo sappiamo bene: siamo in piena crisi climatica. I consumi sfrenati e gli sprechi enormi sono le principali cause del cambiamento climatico che mette a rischio la salute nostra e del pianeta che ci ospita. E come se non bastasse l'arrivo del Natale ci porta a consumare molto più del solito.

I modi per rendere questa festa sostenibile però ci sono, e potrebbero essere anche l'occasione giusta per tornare a regalare cose che hanno un valore più affettivo che monetario.

La caccia ai doni natalizi è iniziata ma quest'anno nell'aria si respira una necessità importante: diminuire l'inquinamento limitando tutte quelle azioni dannose che sono un pericolo per noi e per le generazioni future. Siamo stufi di spendere troppi soldi e la preoccupazione di ciò che sta accadendo all'ambiente ci spinge verso acquisti più sensati, meno cari e soprattutto green. Ecco perché è in continuo aumento la tendenza a comprare i doni di Natale nei mercatini dell'usato.

Come rendere il Natale una festività ecologica?

Le risposte arrivano ancora una volta dal mondo dell'usato che ci invita a dare una nuova vita ai numerosi oggetti che ci circondano:

1. Se in casa hai oggetti che non ti servono puoi venderli grazie ai mercatini dell'usato. In questo modo potranno diventare delle idee regalo per altre persone interessate, e allo stesso tempo eviterai che quegli oggetti finiscano nel cestino troppo presto. Soprammobili, accessori per la casa, elettrodomestici, capi d'abbigliamento: tutto ciò che non usi e che in casa occupa spazio puoi venderlo e trasformarlo in un regalo sostenibile.

regali-second-hand

2. Nelle vetrine dei negozi tradizionali i tuoi occhi vedono le solite cose con uno scarso rapporto di qualità prezzo? Invece di spendere soldi in articoli nuovi, scegli i mercatini dell'usato per il tuo shopping natalizio. Avrai la certezza di acquistare prodotti controllati, di qualità e ad un prezzo più contenuto. L'usato infatti riserva molte sorprese e ti dà la possibilità di vedere e toccare con mano tante cose di diverse categorie in un unico luogo.

3. Se adori i mercatini natalizi e cerchi idee per fare i regali tra le bancarelle, scegli quelli che vendono usato, antiquariato e oggetti realizzati a mano. Anche così sarai sicuro di evitare sprechi e poi potrai comprare qualcosa di originale a km zero che valorizza la creatività artigianale.

Abbassare gli sprechi a Natale si può, basta poco

Quando sentiamo parlare di cambiamenti del clima e degli enormi problemi causati dall'innalzamento delle temperature, ci sembra di dover affrontare argomenti più grandi di noi e che da soli non potremmo mai risolvere. Ci sentiamo piccoli, impotenti e inutili, ma non è così.

natale-ecosostenibile

Certo, non possiamo controllare tutto, ma possiamo fare qualcosa di concreto, anche solo un gesto semplice per essere quella goccia nell'oceano che fa la differenza, e insegnare alle generazioni future comportamenti responsabili oltre a non commettere gli errori del passato.

Facciamo in modo che il Natale torni ad essere una festa per la famiglia, che celebra gli affetti e non il consumismo. Rendiamo questo giorno il momento per ricordare il bello dello stare insieme, del donare oggetti col cuore e non col portafoglio.

Abbassare gli sprechi nel periodo natalizio potrebbe essere un punto di partenza per aiutare l'ambiente senza dover fare chissà quali sforzi e magari ritrovare quei valori di una volta che ci invitano a rallentare, a pensare prima di spendere.


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente