Ci sono 37 utenti on line!


Natale: sotto l'albero oggetti usati rinnovati
Giulia GiarolaNews
Mercoledì 13 Dicembre 2017

regali-natale-usatiUn Natale davvero interessante, quest’anno, per il mondo dell’usato. Gli italiani stanno cambiando rotta, e lo fanno partendo dai regali per le feste. Sono sempre di più infatti le persone che si recano nei mercatini per trovare l'idea carina al giusto prezzo, facendo davvero l'affare. Perché rinunciare al Natale se è possibile scegliere un dono che faccia anche risparmiare?

Non si tratta solo di crisi – che certamente ha aiutato a cambiare il modo di relazionarsi con il consumo – ma si stanno formando consumatori più consapevoli, che rinnegano gli sprechi e sanno che gli oggetti possono avere una nuova vita, con un notevole risparmio anche in termini ambientali. Il tutto influenzato anche dalla moda del momento: l'Upcycling, ovvero l'arte di dare una seconda chance alle cose già utilizzate.

Upcycling: uno studio rivela i regali più gettonati

Dai tavolini realizzati con i pallet alle poltrone, dalle collane agli orecchini, fino ai soprammobili e ai vestiti vintage. Sono solo alcuni dei regali che gli italiani troveranno sotto l'albero il prossimo 25 dicembre. Quest'anno però a molti potrebbe capitare di scartare un pacco e trovarsi tra le mani uno di questi presenti in versione "rivisitata": sono gli effetti dell'Upcycling mania, ovvero l'arte di dare nuova vita, rinnovate funzioni e un nuovo valore estetico agli oggetti già utilizzati, una vera e propria tendenza nata negli Stati Uniti.

regali-usati-natale

Addirittura un italiano su 2 (48%) ha ammesso di aver preso in considerazione l'acquisto di questi oggetti usati per gli imminenti regali di Natale. I più gettonati? Elementi d'arredo (44%), come quelli realizzati con i pallet recuperati, i capi d'abbigliamento rivisitati (42%) e i gioielli vintage modernizzati (33%).

È quanto emerge da uno studio promosso dall'agenzia Espresso Communication, condotto mediante metodologia WOA (Web Opinion Analysis) su circa 1.500 persone tra i 18 e i 65 anni attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community, coinvolgendo un panel di 15 docenti universitari, per capire qual è il rapporto degli italiani con la tendenza dell'Upcycling arrivata da oltreoceano e quali sono le ragioni di questo successo.

Identikit dell'Upcycling addicted natalizio

Tra le motivazioni principali nella scelta dell'Upcycling come nuova filosofia nei regali di Natale emerge una crescente attenzione alla sostenibilità e all'impatto di produzione e trasporti sul Pianeta, ma anche la possibilità di personalizzare con maggiore originalità i doni e le ristrettezze economiche del periodo storico. Elementi che sono ineluttabili segni di una coscienza "green" e di un'attenzione verso un riutilizzo artistico e creativo che sta contagiando anche le scelte dei designer e degli imprenditori italiani.

upcycling

Ma qual è l'identikit dell'Upcycling addicted natalizio? Il 53% delle donne e il 43% degli uomini ha dichiarato di aver intenzione di regalare un oggetto in versione "rivisitata". Tra di loro la maggior parte ha tra i 30 e i 45 anni (57%), mentre la percentuale scende al 45% tra i 46 e i 65 anni e al 41% tra gli under 29. Tra di loro ci sono soprattutto insegnanti (20%), professionisti (14%) e impiegati statali (13%), ma anche studenti (12%) e imprenditori (10%), svelando una tendenza che abbraccia tutte le categorie. Il fenomeno, molto più marcato nelle grandi città, vede in testa Milano (56%), seguita nella top 5 da Roma (54%), Torino (53%), Bologna (51%) e Napoli (49%).


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente