Ci sono 1 utenti on line!


Ami il giardino in stile rétro? Ecco come realizzarlo
Martedì 24 Aprile 2018
Giulia Giarola

giardino-in-stile-rétroHai un giardino o un terrazzo e ti piacerebbe caratterizzarlo con dei complementi d’arredo che lo rendano unico? Vorresti ricreare un’atmosfera romantica e dal gusto rétro? Con creatività e fantasia potrai ottenere degli splendidi risultati attraverso il riciclo di vecchi oggetti del passato.

Oggetti ormai inutilizzati possono diventare dei pezzi d’arredo ricercati. Inoltre, se ami il fai da te, quasi tutto può essere riciclato. Con l’utilizzo di un pennello, di colori tenui e la tua manualità potrai dare nuova vita a vecchi mobili, tavoli, sedie e decorare ogni angolo del giardino con la massima eleganza.

Spunti creativi per un perfetto giardino rétro

Arredare il giardino in stile rétro significa effettuare una scelta audace, originale e romantica. Gli spunti possono essere molti: ci si può concentrare su una particolare epoca oppure si possono inserire elementi misti di più annate.

Poiché questo stile ricorda il passato, ovviamente tutto ciò che gli ruota intorno ha a che fare con tenerezza e un pizzico di nostalgia, come sono i ricordi. Per questo motivo si utilizzeranno colori pastello morbidi e chiari, come l'azzurro tenue, il lilla, o un rosato antico.

Ecco alcuni spunti per aiutarti ad arredare il giardino o il terrazzo come hai sempre sognato:

  • I vecchi cassetti e le cassapanche possono essere trasformati in simpatiche e colorate fioriere.

  • Tavoli e sedie in ferro battuto non possono proprio mancare in un giardino rétro. Sono elementi che trasportano subito indietro nel tempo.

mobili-ferro-battuto

  • I bancali di legno colorati e assemblati insieme potranno diventare delle fioriere o dei tavolini per poter sorseggiare un aperitivo.

  • Un altro elemento che si sposa benissimo nel giardino è la bicicletta. Ovviamente non deve essere una mountain bike moderna, ma un modello che si utilizzava negli anni '60 come la Graziella. Potresti prendere spunto per mettere delle piante colorate, sia nella parte davanti del cesto che dietro, rendendo la bicicletta ancora più rétro verniciandola con il color lilla. Per le piante, preferisci quelle che tendono a cascare, l'effetto sarà meraviglioso.

vasi-di-fiori-bicicletta

  • Le caffettiere della nonna o le vecchie tazze da tè possono essere utilizzate per piantare piccole piantine e decorare un davanzale o il tavolo del giardino con i tuoi fiori preferiti.

  • Una vecchia scala in legno può diventare un elemento d’arredo affascinante e funzionale su cui posizionare le piante o complementi d’arredo e di decoro.

  • I barattoli di vetro impreziositi e personalizzati con pizzi e merletti possono diventare dei perfetti porta-candele per illuminare e creare un’atmosfera vintage perfetta e molto romantica.

candele

  • Per arredare il giardino in stile rétro non può mancare un tocco unico: la panchina. Ovviamente, questa deve rispettare alcuni canoni. Deve essere di legno, antica, possibilmente spaziosa per poterci mettere degli elementi decorativi in più.

  • Barattoli di latta, cestini di vimini, o cassette di legno dalle varie forme possono diventare dei porta-vasi funzionali ed originali per decorare i tuoi spazi verdi.

Non dimenticare mai:

1. Cerca gli oggetti rétro nei mercatini dell’usato: ce ne sono di molti, originali ed economici. Trova subito il punto vendita più vicino a te.

2. Non mettere troppi elementi rétro, ne bastano pochi ma nei punti strategici.

Segui la nostra pagina Facebook per essere sempre aggiornato sul mondo dei mercatini!


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente