Ci sono 12 utenti on line!


Overshoot Day Italia 2023: di cosa si tratta?
Giovedì 18 Maggio 2023
Eleonora Truzzi

overshoot-day-2023Cos'è l'Overshoot Day per un Paese? 

È il giorno in cui avremmo consumato tutte le risorse disponibili da parte della Terra se tutti si fossero comportati come noi. In altre parole, è il giorno in cui iniziamo a vivere a credito ecologico dal nostro pianeta.

L'Overshoot Day 2023 per l'Italia è stato il 15 maggio, lo stesso dello scorso anno. Questo significa che non abbiamo fatto abbastanza per ridurre la nostra impronta ecologica e che avremmo bisogno di 2,75 pianeti per sostenere il nostro stile di vita. Siamo tra i Paesi più voraci di risorse al mondo e questo ha conseguenze negative per l'ambiente e per il nostro futuro.

Perché dovremmo preoccuparci dell'Overshoot Day?
Perché ci indica quanto siamo lontani dalla sostenibilità e quanto dobbiamo cambiare le nostre abitudini per vivere in armonia con la natura. L'Overshoot Day è anche un'occasione per riflettere sulle soluzioni possibili per invertire la tendenza e allungare il calendario ecologico. Alcune di queste soluzioni sono: usare fonti di energia rinnovabile, ridurre gli sprechi, consumare meno carne, viaggiare in modo responsabile, riciclare e riutilizzare.

L'Overshoot Day 2023 per l'Italia è un campanello d'allarme che ci invita a prendere coscienza della nostra situazione e ad agire subito per migliorarla. Non possiamo permetterci di rimandare ancora, perché il tempo sta scadendo e il pianeta non aspetta. Se vogliamo garantire un futuro dignitoso alle prossime generazioni dobbiamo fare la nostra parte ora e contribuire a ridurre il debito ecologico.

overshoot-day-2023

Come ritardare l’Overshoot Day?
Per rimediare a questa situazione è importante adottare azioni sostenibili che riducano la nostra impronta ecologica complessiva. Concentrarsi sul second hand e sugli acquisti nei mercatini dell'usato è sicuramente un'ottima strategia.

Acquistare articoli usati ha molti vantaggi dal punto di vista ambientale. Innanzitutto, riduce la domanda di nuovi prodotti, che richiedono risorse naturali per essere prodotti e spesso generano emissioni nocive durante il processo di fabbricazione. Acquistando oggetti di seconda mano, si contribuisce a ridurre il consumo di risorse e l'inquinamento legato alla produzione.

Inoltre, il mercato dell'usato offre un'ampia varietà di prodotti di qualità a prezzi accessibili. Riuscire a riutilizzare gli oggetti anziché acquistarne di nuovi contribuisce a ridurre lo spreco e l'accumulo di rifiuti. Gli articoli che non sono più necessari per una persona possono diventare tesori per qualcun altro, prolungando la loro vita utile ed evitando che finiscano in discarica.

Per mettere in pratica questa azione nel tuo quotidiano puoi iniziare ad esplorare i mercatini dell'usato nella tua zona. Trova quello più vicino a te utilizzando il nostro motore di ricerca!


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente


Copyright ©, by Leotron società benefit a responsabilità limitata - Partita Iva: IT 02079170235

Privacy Policy - Cookie policy - Dati azienda