Ci sono 17 utenti on line!


Festival del riuso e del baratto a Milano!
Lunedì 03 Giugno 2013
Silvia Dal Corso

festival del riusoIl 9 giugno 2013 a Milano è stata organizzata l'iniziativa DomenicAspasso. All'interno della stessa, Rete Onu, in collaborazione con Amsa e Federambiente ha programmato il Festival del riuso e del baratto: uno grande swap party per una giornata dedicata allo scambio di prodotti senza utilizzo di denaro!

Questa manifestazione vede impegnati in prima fila Leotron, con Mercatopoli e Baby Bazar; Di Mano in Mano, con Il Carretto e la cooperativa Senza Frontiere. Saranno questi gli attori che si occuperanno di gestire al meglio questo momento di scambio, in uno spazio appositamente pensato e organizzato, fornito dal comune di Milano e individuato in piazza Beccaria.

Si tratta della prima edizione di questa festa organizzata da Rete Onu (la rete di Operatori Nazionali dell’Usato). Il Comune di Milano e la Regione Lombardia hanno patrocinato l’evento che si svolgerà in concomitanza con la giornata del riuso organizzata dal Comune di Milano.

Sarà un mega swap party in cui sarà possibile dare nuova vita agli oggetti che non ci servono più che potranno essere scambiati con qualcos’altro di più utile per noi. Tutti gli oggetti portati alla festa del riuso dovranno essere in ottime condizioni, ben conservati e perfettamente funzionanti. E' possibile partecipare gratuitamente e portare i beni da scambiare. Non si potrà vendere ma solo barattare, senza alcun passaggio di denaro.

Se vi state chiedendo cosa e quanto potete portare da scambiare alla festa del baratto e del riuso, vi veniamo subito in aiuto: abbigliamento, calzature, giocattoli, libri, oggettistica per la casa, piccoli elettrodomestici, bigiotteria, fino ad un massimo di dieci pezzi a persona. Non si possono portare materiali deperibili, oggetti di grandi dimensioni (come mobili o elettrodomestici) o beni troppo piccoli (bottoni, gadget vari).

Ci sarà una sola moneta di scambio: un gettone che vale come buono di scambio per ogni oggetto accettato alla festa e che può essere utilizzato solo in questa particolare occasione. Per lo scambio della merce valgono le seguenti semplici regole di valutazione: un gettone per piccoli accessori, cartoleria e piccoli casalinghi; due gettoni per articoli di abbigliamento, accessori, calzature, libri, cd, giocattoli e casalinghi; tre gettoni per articoli di abbigliamento ed accessori griffati, piccoli elettrodomestici; quattro gettoni per oggettistica di pregio ed elettrodomestici; cinque gettoni per biciclette, passeggini, carrozzine.

Segnaliamo inoltre che gli oggetti non scambiati saranno ritirati a cura e spese degli organizzatori e donati alle cooperative sociali senza fine di lucro, presenti nell'organizzazione, finanziando progetti di interesse sociale.

Rete Onu ha promosso una serie di progetti pilota nelle principali città italiane per sensibilizzare sul tema del riuso come componente attivo del piano urbanistico sui rifiuti. L’obiettivo è quello di calcolare la riduzione di emissioni e di rifiuti ottenuta grazie al recommerce e portare al Governo una serie di proposte per regolamentare le attività e sostenerle. L'unione europea, infatti, in tema di rifiuti, ha diffuso una serie di direttive che hanno visto nel mercato dell’usato uno dei fattori più importanti per l’abbattimento dei rifiuti e la rieducazione della popolazione. É per questo che sono nati i progetti pilota di Rete Onu, sostenuti da diversi attori del settore. E il Comune di Milano è stato il primo a rispondere, con decisione, all’appello di Rete ONU.

Il Festival del riuso e del baratto vi aspetta domenica 9 giugno in piazza Beccaria a Milano!


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente


Copyright ©, by Leotron società benefit a responsabilità limitata - Partita Iva: IT 02079170235

Privacy Policy - Cookie policy - Dati azienda