Ci sono 25 utenti on line!


Il luxury entra nei mercatini dell’usato
Mercoledì 06 Gennaio 2021
Eleonora Truzzi

luxury-mercatini-usatoIl periodo pandemico e l’attenzione crescente delle nuove generazioni al mondo del second hand hanno portato i grandi marchi a ripensare i progetti attuali e futuri. 

Se fino a qualche anno fa l’alta moda faceva a gara per produrre prodotti sempre nuovi, oggi quegli stessi marchi si stanno orientando verso l’economia circolare. Ecco che gli oggetti di lusso non capitano più casualmente all’interno dei mercatini dell’usato ma si affacciano ad essi consapevolmente.

I grandi marchi abbracciano il second hand
Il luxury nei mercatini e sui portali di second hand non è più casuale. Brand del calibro di Burberry e Gucci sono sbarcati su e-commerce incentrati sul luxury second hand. Il riuso non è più un’attività da svolgere saltuariamente ma diventa un vero e proprio stile di vita. Così come questo fenomeno si sta allargando su scala internazionale, colpisce anche i mercatini locali in cui avere oggetti di lusso diventa sempre più importante. Non solo questa tipologia di prodotti attira il consumatore che cerca un pezzo unico, ma sarà lo shopping su cui la maggior parte delle persone investirà nel futuro.

luxury-mercatini-usato

I giovani trainano la rivoluzione
Secondo GlobalData, il mercato del second hand registrerà una crescita di addirittura il 69% nel triennio tra il 2019 e il 2021. Durante il corso del 2020, in pieno periodo pandemico, ci siamo resi tutti conto di quanto sia mutata la sensibilità collettiva per la salute del pianeta. In particolare, Millennials e Generazione Z si sentono in colpa a produrre rifiuti e ad acquistare capi nuovi di fast fashion prodotti con un grande sfruttamento di materie prime ed emissioni di CO2 nell’atmosfera. Lo shopping second hand permette loro di spendere in modo più intelligente i propri soldi e di acquistare ciò di cui hanno bisogno senza rimorso verso la salute ambientale. Se ami l’alta moda, recati nei mercatini d’Italia per acquistare prodotti unici e in linea con le tendenze attuali della moda.


Ti è piaciuta questa pagina?

Condividila sulla tua rete di contatti Twitter, sulla tua bacheca su Facebook o premi "+1" per suggerire questo risultato alle tue cerchie di Google+. Diffondere i contenuti che trovi interessanti ci aiuta a crescere. Grazie!




Ciò che fino a oggi ha limitato la vendita dell’usato è stato un problema di percezione.
Quando una persona va al ristorante non si pone la questione se il piatto in cui mangia sia stato utilizzato da qualcun altro.
Eppure se lo chiede quando acquista un abito o un mobile di seconda mano.
Ma è palpabile l’evoluzione verso questo nuovo stile di vita.
Alessandro Giuliani
su Il Salvagente